Ho sentito spesso in televisione, citare i cassetti della memoria ed ultimamente, in rete, disquisire del palazzo della memoria, entrambe le definizioni usate per descrivere i posti dove le informazioni verrebbero ordinate all’interno del nostro cervello!
Sicuramente vengono archiviate, ma in modo ordinato è tutto da vedere!
Certo, con le mappe si riescono a recuperare molte informazioni, ma quando abbiamo un bisogno urgente?
Quale cassetto aprire? In quale stanza? In quale armadio? ( è un modo di dire, non c’è nessun armadio, stanza o cassetto 🙂 ).

Anche in questo caso, le tecniche di memoria ci rendono la vita molto più semplice.
Sfruttando le solite associazioni e la conversione fonetica, è possibile creare un numero infinito di schede mnemoniche alle quali collegare le informazioni che si desiderano ricordare. …. A dire il vero io ho sempre utilizzato lo schedario mnemonico esclusivamente per giocare e tenermi in allenamento ma non si può negare che avere la possibilità di archiviare in modo ordinato le informazioni, permette di averle sempre a portata di mano, per questo motivo ho inserito lo schedario mnemonico nel corso di tecniche di

memoria scaricabile, il quale sfrutta la conversione fonetica, le immagini e le associazioni mnemoniche per creare le prime utili 100 schede che poi ognuno potrà ampliare a piacimento.

 

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers